Più autopromozione, più pubblicità!

poggio1Buongiorno a tutti!

Siccome una visitatrice (Livia) mi ha chiesto più notizie sul libro e sull’editore, eccomi a scrivere un post per dirvi qualcosa di più. Le Edizioni del Poggio è una piccola casa editrice pugliese, per la precisione di Poggio imperiale, in provincia di Foggia. Pubblica senza contributo (ed è il mio caso) o con contributo.

Come potrete leggere nella sezione “Presentazione” del sito, la casa editrice “ha come scopo primario la valorizzazione e la promozione delle opere edite e inedite dei giovano autori esordienti, e la diffusione della cultura in genere”.

Per quanto riguarda “L’oblio della ragione – Racconti di inevitabile follia” si tratta di due racconti, rispettivamente Noir e Horror, ed è stato pubblicato da neppure un mese. Lo trovate sul sito della casa editrice, su ibs, e su webster. Non vorrei raccontarvi la trama di “Giustizia” e “Blackout”, i racconti che compongono il libro, preferirei piuttosto farvi leggere la prefazione, da cui vi farete un’idea senza subire troppe anticipazione.

Prima di lasciarvi a questa lettura aggiungo una curiosità sul libro: la copertina è stata ideata e disegnata da Federica Faggiano, un’illustratrice esordiente, mia cara amica, ed è assolutamente attinente alle storie raccontate nel libro.

Buona prefazione!

Nero come… la notte, come un incubo, come la morte. Nero come un racconto. Il genere noir affascina da sempre sopratutto i giovani lettori, e torna oggi prepotentemente alla ribalta per l’indubbia funzione catartica di una lettura che talora libera da sofferenza e conflitti nascosti ed incoffessati. I due racconti lunghi, prima pubblicazione della giovane scrittrice esordiente Chiara Vitetta, possono essere definiti due storie di ordinaria e straordinaria follia: entrambi, nello stile, nella trama, nella lucida disperazione dei personaggi, rientrano nel genere NOIR ed il quello HORROR, ed oscillano tra realtà e delirio, lasciando col fiato sospeso il lettore fino all’ultima pagina, fino all’effetto-sorpresa di un finale sconvolgente. Matt, il protagonista di “Giustizia”, è il disperato vendicatore che “ha una voragine immensa dentro di sé, e l’allegria è stata la prima cosa che ci è caduta dentro”: la sua storia orribile ma al limite del reale, rivelerà una svolta ed un esito imprevisto, come nei racconti del terrore di Stephen King. Il racconto “Blackout” rientra nel genere HORROR: regna in esso un’inquietante atmosfera sospesa tra incubo e realtà. Mike, il problematico protagonista, “teneva la sua testa chiusa con un lucchetto di solitudine”. Allucinante è la sua calma disperazione di padre di fronte alla spaventosa surreale trasformazione del figlioletto, trasformazione che vagamente richiama, in moderna versione “radioattiva”, la celebre metamorfosi di Franz Kafka. Il finale del racconto è quanto di più orrido ogni macabra umana fantasia possa immaginare, e certo Freud troverebbe inconfessabili significati psicoanalitici nella terribile fine che toccherà alla madre. I due racconti, dalla prosa scorrevole e convincente, si leggono d’un fiato risultando sorprendentemente coinvolgenti, anche perché la giovane scrittrice, dal promettente talento, riesce a coniugare in essi il brivido vago del racconto del terrore e l’interesse concreto alle problematiche del nostro tempo. Uno sguardo d’attenzione in più merita, inoltre, l’originale copertina disegnata ad hoc, con gusto e carattere dalla giovane Federica Faggiano, compagna di classe della scrittrice Chiara Vitetta, quando alcuni anni fa, frequentavano l’Istituto Tecnico Commerciale “Galileo Galilei” di Vibo Valentia ed entrambe erano mie alunne “speciali”. A loro vanno tutti i miei auguri.

(Maria Francesca Graziano)
(Docente di lettere)

This entry was posted in Mestiere esordiente and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Più autopromozione, più pubblicità!

  1. Bene bene….
    Anche se in ritardo (vista la mia connessione lenta è già un miracolo che sia riuscito ad accedere a wordpress) commento pure io!
    E’ proprio vero che servono sia autopromozione, che AUTOpubblicità, purtroppo è la vita ingrata degli esordienti, rimboccati le maniche e in bocca al lupo per tutto, anche se il tuo libro sono sicuro farà davvero pochissima fatica ad uscire dall’anonimato! Spero che presto ce ne sia pure un secondo!! 🙂
    Ciao

  2. Malinx says:

    Ciao Chiara,
    anche io con un bel po` di ritardo ma eccomi qui a farti tanti auguri e in bocca al lupo 🙂
    Baci

  3. Chiara says:

    Ciao Angela, che piacere vederti qui!
    Grazie per gli auguri, sevono a quanto pare. 🙂
    A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.