La differenza

oca selvaticaPenso e ripenso: – Che mai pensa l’oca
gracidante alla riva del canale?
Pare felice! Al vespero invernale
protende il collo, giubilando roca.

Salta, starnazza, si rituffa gioca:
né certo sogna d’essere mortale
né certo sogna il prossimo Natale
né l’armi corruscanti della cuoca.

– O papera, mia candida sorella
tu insegni che la Morte non esiste:
solo si muore da che s’è pensato.

Ma tu non pensi. La tua sorte è bella!
Che l’esser cucinato non è triste,
triste è il pensare d’esser cucinato.

(Guido Gozzano)

_________________________

Dello stesso autore:

Parabola
L’altro

This entry was posted in Poesie and tagged , , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to La differenza

  1. Caigo says:

    Solo un poeta può entrare nella nella mente di un’oca 🙂

    (nella foto: oca irlandese)

  2. Chiara says:

    🙂 Verissimo!!!

  3. Alfredo says:

    ma non è anche vero che solo un’oca può entrare nella mente di un poeta?..:-)

  4. Chiara says:

    Interessante idea! Eh eh eh… 🙂

  5. Ho letto ora questa poesia, che trovo bellissima e vera. E mi ha fatto venire in mente la battaglia che sta conducendo Peta, che tutti conoscete, e vorrei che anche tu Chiara e anche coloro che seguono il tuo blog, daste il vostro contributo contro la crudeltà a cui vengono sottoposte le oche in nome del profitto:
    http://www.peta.org/features/down-investigation.aspx?utm_campaign=0312%20Down%20Investigation%20Feature&utm_source=PETA%20E-Mail&utm_medium=Alert
    ciao

  6. Grazie Fernanda, mi informerò.

Rispondi a Chiara Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *