Vita nuova

vita nuovaStavo dinanzi al mare arido e le onde
Con gli spruzzi sul viso nei capelli
Mi colpivano. Lunghi fuochi rossi
Ardevano nel cielo, urlava il vento,

Verso terra stridevano i gabbiani.
«Perché» gridai «la mia vita è di dolore,
E come il mare i miei campi turbinosi
Non producono alcun frutto?»

Erano lacere, squartate le mie reti.
Tuttavia, come un ultimo dado le gettai
Nel mare, e attesi.

Non la fine apparve, lo splendore
Dalle acque nere del passato
Emerse in membra candide!

(Oscar Wilde)
___________________________

Dello stesso autore:

– Se non avessimo amato
– L’arte
– L’arte (2)

This entry was posted in Poesie and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.