Georges

georges“Amava l’immensità non perché lo facesse pensare a Dio, ma perché dove c’è più spazio, meglio si respira; amava le stelle, non perché le considerasse altrettanti mondi  che girano nello spazio, ma perché trovava piacevole avere sopra la testa un baldacchino blu bordato di diamanti; amava le grandi foreste, non perché i loro recessi sono pieni di voci misteriose e poetiche, ma perché la volta fitta proietta un’ombra che i raggi del sole non arrivano a penetrare”.

“L’oscurità cominciò a calare dapprima nei punti più bassi, salendo come una marea lungo i tronchi d’albero, sulle fiancate delle rupi, sui pendii della montagna, portando con sé il silenzio e scacciando un po’ alla volta le ultime luci del giorno, che si rifugiarono in cima al picco, oscillarono per un attimo come le fiamme di un vulcano, poi a loro volta si estinsero, sommerse da quel mare di tenebre”.

“I cuori feriti sono fatti così: la gratitudine se ne va attraverso la deriva, e il dolore diventa un giudice rigoroso”.

(Alexandre Dumas)
(da: “Georges”)

________________________________________

Dello stesso autore:

Il conte di Montecristo
I tre moschettieri
Mercedes
Addio Parigi!

This entry was posted in Estratti e citazioni and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

7 Responses to Georges

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.