La luna è tramontata

la luna è tramontataHo avuto già modo di saggiare la bravura di John Steinbeck, uno scrittore davvero magistrale. Ho semplicemente adorato Furore, che è uno dei libri più belli che abbia mai letto. Steinbeck è ufficialmente uno dei miei scrittori preferiti, per cui continuo a scegliere e leggere i suoi libri. Pochi giorni fa è stata la volta di La luna è tramontata.

Il romanzo, scritto nel 1942, narra una storia simile ad un episodio realmente accaduto. Durante la seconda guerra mondiale, in Norvegia ci fu un singolare episodio di resistenza da parte del popolo contro l’invasione nazista.

Steinbeck sa bene cosa sia la guerra, e si legge tra le righe del libro, ma la cosa più importante è che sa cos’è la guerra nel cuore degli uomini, nelle loro vite normali, nella loro testa.

In poco più di cento pagine racconta una storia di coraggio e dignità il cui fulcro è costituito dalle persone e dai loro sentimenti, sia dalla parte di chi occupa, che dalla parte di chi è occupato. Bellissime, poi, le descrizioni dei personaggi, che Steinbeck sa caratterizzare perfettamente e non senza un filo di ironia. Ve ne propongo un paio perché trovo che siano un piacere per chiunque ami leggere, ma anche una lezione per chi vuole imparare a descrivere bene i personaggi, se ama questo stile. Io mi auguro di imparare da uno scrittore così bravo, e di certo continuerò a leggere i suoi libri. Per ora posso consigliarvi tutti quelli che ho letto: La luna è tramontata, Furore, Pian della Tortilla, La battaglia, I pascoli del cielo, Uomini e topi, Al Dio sconosciuto; ma sono certa che anche scegliendo a caso, sceglierete bene.

Buona lettura!

_____________________________

“C’era il maggiore Hunter, un ometto meticoloso dedito alle cifre, un ometto che, essendo un tipo sul quale si poteva fare affidamento, considerava tutti gli altri uomini o come gente su cui si poteva fare affidamento o come del tutto inadatta a vivere. Il maggiore Hunter era ingegnere, e solo in caso di guerra si poteva pensare di dargli il comando di altri uomini. Perché il maggiore Hunter allineava i suoi uomini in colonna come cifre e li aggiungeva, li sottraeva, li moltiplicava. Più che un matematico, era un aritmetico. Nulla dello humour, della musica, o del misticismo della matematica superiore gli era mai entrato in testa. Gli uomini potevano variare in altezza, in peso, in colore, così come 6 è diverso da 8, ma c’era ben poca altra differenza. S’era sposato parecchie volte e non aveva mai capito perché le sue mogli, prima di piantarlo, fossero sempre divenute molto nervose”.

“Loft era capitano quanto più si può esserlo. Viveva e respirava il suo capitanato. Non aveva momenti non militari. Un’ambizione intensa lo spingeva di grado in grado. Saliva come la crema alla superficie del latte. Batteva i tacchi con la perfezione di un ballerino. Conosceva ogni specie di cortesia militare e non trascurava di usarle tutte. I generali avevano paura di lui perché ne sapeva, sul modo di comportarsi di un militare, più di loro. Il capitano Loft pensava e credeva fermamente che un soldato sia il più elevato sviluppo di vita animale. Se pensava a Dio, Lo considerava un vecchio e onorato generale, grigio e in pensione, che viveva di ricordi di battaglie e portava corone sulle tombe dei suoi luogotenenti parecchie volte all’anno. Il capitano Loft riteneva che tutte le donne s’innamorassero di un’uniforme e non vedeva come come poteva essere diversamente. Nel corso normale degli eventi egli sarebbe stato generale di brigata a quarantacinque anni e avrebbe avuto la fotografia pubblicata sui giornali illustrati, tra pallide e alte donne mascoline dai capelli di trina, pittorici”.

(John Steinbeck)
(da: “La luna è tramontata”)

______________________________________

Dello stesso autore:

Furore (recensione ed estratti)
– La prova di un’esistenza (estratto da “Al dio sconosciuto”)
L’ebbrezza dei venti (estratto da: “La Santa Rossa”)
L’insoddisfazione (estratto da “Quel fantastico giovedì”)

This entry was posted in Estratti e citazioni, Recensioni di Libri and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

9 Responses to La luna è tramontata

  1. luce zen says:

    su questo libro non so dire nulla ma su “Furore”….dio… quanto ho amato e amo questo immenso e stupendo capolavoro di Steinbeck…
    è da tanto che non lo rileggo… mi sa che si aggiunge allo zaino già stracolmo di libri e ebook che voglio leggere mentre sono via..

  2. Chiara says:

    🙂 è un piacere ricordare libri così belli!

  3. MrBungle says:

    Che coincidenza. Proprio oggi ho comprato “Furore”, il primo libro si Steinbeck che mi accingo a leggere…
    Ma, Chiara, alla tua giovanissima età, quanti libri avrai letto (occhio e croce) ??? O_o

  4. Chiara says:

    🙂 Ah, non saprei…all’inizio di quest’anno ho cominciato a segnarli però, e ho scoperto molte cose interessanti! 😀

  5. Chiara says:

    🙂 Che leggo molto più di quello che credevo, che adesso saprei elencare solo la metà dei libri che ho letto da gennaio (gli altri, se non li leggo nella lista, non li ricordo) e che di conseguenza solo una piccola percentuale di questi libri mi hanno davvero colpita. 😀

  6. federica says:

    Il tuo post mi è piaciuto, sarà una delle mie prossime letture sicuramente!
    Non appena terminerò “quelli che inizio e non finisco perché la curiosità mi spinge verso tanti”… Ne sai qualcosa!

    ^_^

  7. Chiara says:

    Beh, guai a te se prima non finisci “Apri gli occhi”!
    🙂

Rispondi a MrBungle Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.