Uomini che odiano le donne

uomini che odiano le donneMolte cose ci ricordano ogni giorno quanto la vita sia ingiusta, ed una di queste è certamente la fine che ha fatto Stieg Larsson. All’età di cinquant’anni tondi, sulla soglia del traguardo della pubblicazione della sua trilogia di libri, Larsson è stato stroncato da un infarto dopo aver fatto di corsa sette piani per raggiungere la sede della rivista per cui lavorava. Non aveva scritto né pubblicato altri libri, solo saggi sulla democrazia e sulla destra estrema. Larsson non si è goduto il successo, e i diritti d’autore derivanti dalla vendita della trilogia vanno e continueranno ad andare al fratello e al padre, con i quali oltretutto non aveva buoni rapporti. Che tristezza…

Uomini che odiano le donne è il primo libro della trilogia di Stieg Larsson, chiamata Millennium dal nome del giornale per cui il protagonista dei libri lavora.

A me in genere non piacciono molto i gialli e diffido sempre dei libri di scrittori contemporanei che riscuotono tutto questo successo. Di solito penso che dietro le grandi vendite ci siano grandi e furbi editori; ma ho letto questo libro cercando come sempre di essere obiettiva, e devo dire che mi ritengo più che soddisfatta.

La storia e l’intreccio sono ottimi, le qualità descrittive buone e la narrazione accattivante, ma la cosa che più mi è piaciuta sono stati i personaggi: complessi, problematici e a volte contraddittori come solo le persone reali riescono ad essere. Ho apprezzato moltissimo Lisbeth Salander, una donna particolare, piena di problemi e terribili segreti che Larsson ci lascia solo immaginare. Di banale questo libro non ha nulla. Settecento pagine di scoperte e intrighi volate via in cinque giorni e tutte da gustare.

Per la prima volta dopo tanti mesi, leggendo un libro ho provato il desiderio di dire grazie a chi l’ha scritto per la compagnia che mi ha fatto e il piacere che mi ha dato con le sue parole, ma non ho potuto e non potrò mai farlo…

Vi lascio con la mia tristezza e con la promessa di scrivere altri due post su questo scrittore: uno per il secondo e un altro per il terzo volume di questa trilogia che sono certa non mi deluderà. Naturalmente vi consiglio di leggere Uomini che odiano le donne.

Buona lettura!

_________________________________

Leggi il post relativo agli altri due libri della trilogia cliccando QUI.

This entry was posted in Recensioni di Libri and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Uomini che odiano le donne

  1. Già, davvero ingiusto che a godersi questo meritato successo non sia proprio Larsson. Per adesso ho letto solo il primo libro della trilogia, e sono rimasto soddisfatto, soprattutto ho apprezzato la forte caratterizzazione descritta in modo magnifico del personaggio principale “Lisbeth Salander”.
    Se devo trovare un difetto a questo libro è che le altre donne “normali” nel libro, siano descritte in modo vagamente simile, a volte faticavo a distinguerle…
    Comunque rimane un piccolissimo difetto in un libro che ho apprezzato moltissimo, anche io come Chiara era tanto tempo che non mi divertivo e appassionavo così ad un libro!
    a presto!

  2. Sì, certamente Lisbeth Salander è un personaggio descritto magistralmente e molto interessante. Devo dire che pur avendo notato alcune somiglianze tra le donne presenti nella storia, non ho ritenuto che fossero troppo somiglianti.

  3. Ho letto pure il secondo e il terzo libro della trilogia… davvero molto belli e piacevoli da leggere, coinvolgenti e intensi fino alla fine!
    Sono sicurissimo che apprezzerai tantissimo anche gli altri due libri quando li avrai letti! 😉

  4. Mi precedi, eh? Finisco il terzo e poi ne parlo in un post. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.