Le fiere del libro e gli scrittori esordienti

più libri più liberiLa fiera nazionale del libro di Roma (Più libri, più liberi), si svolgerà dal 5 all’8 dicembre al Palazzo dei Congressi (EUR) in piazza John Kennedy, 1. Si tratta di una manifestazione molto importante per i piccoli e medi editori. Generalmente trovare uno stand libero è un’impresa, e ci sono editori che devono semplicemente mettersi in lista d’attesa e aspettare anni per avere un posto.

La Edizioni del Poggio è finalmente riuscita a guadagnare l’agognato stand, così sarò a Roma durante questa fiera. La mia esperienza riguardo le fiere (non molta, ma pur sempre rispettabile) mi dice che per i piccoli editori le occasioni più proficue sono quelle in cui gli espositori sono pochi, e questo non è assolutamente il caso, ma  credo di aver imparato che il meglio delle fiere arriva quando sono finite. Ci si stanca molto, e anche se si conoscono persone interessanti e si ha a che fare direttamente con i lettori, ci si becca anche molti no, le ore passano e la mandibola fa male a forza di sorrisi. Fisicamente, ma anche mentalmente, stare quasi dodici ore di fila ad uno stand a parlare con persone di tutti i tipi è davvero stancante. C’è da tenere presente che un esordiente che ha pubblicato con un piccolo editore non può pretendere grandi vendite neppure alle fiere: ci deve essere sempre qualcuno che scommette sul suo libro. Il mondo è fatto di pavidi e impavidi, di chi rischia e di ha bisogno di garanzie per fare qualcosa. Per comprare il libro di un esordiente bisogna saper rischiare. So che anche a Roma conoscerò qualcuno che lo farà, e so che a fine fiera sarò così stanca da aver dimenticato il senso dell’evento, ma poi riceverò l’e-mail di qualcuno che ha amato il mio libro, e che ha avuto voglia di farmelo sapere. Sarà in quel momento che ricorderò che senso hanno le fiere per me.  So che alcuni di loro non li dimenticherò mai…

A Bari c’è stata Alessandra, che ha divorato il libro in una notte e ha scritto un post sul suo blog per parlarne.

A Pisa c’è stata Melania, che incontrerò tra due giorni per un’occasione di cui avrò modo di parlarvi in un prossimo futuro. Anche a lei il libro è piaciuto molto. E c’è stata Angela, che non ama il genere Horror né il Noir, ma ha comprato il libro per regalarlo al suo ragazzo, e poi l’ha letto per prima e le è piaciuto tanto.

A Chiari c’è stata Erika, che sta per proporre una lettura di gruppo su anobii proponendo il mio libro, che lei ha subito letto, apprezzato e recensito; e Pietro, che non aveva intenzione di comprare il libro e stava andando via, ma che ho provato a coinvolgere nelle problematiche che gli scrittori esordienti devono affrontare. Senza pensare davvero di farcela, l’ho convinto! Ha comprato il libro il secondo giorno di fiera, e il terzo è tornato a trovarmi per il piacere di chiacchierare ancora.

Ringrazio loro, ma anche tutti gli altri. Purtroppo non ricordo tutti, ma la mia gratitudine è per ognuno di loro. So che a Roma ci sarà qualcun altro che saprà ricordarmi il senso che ho osato dimenticare per la fatica, e so che gli sforzi saranno ripagati, perché quando fai qualcosa con il cuore e il prodotto che vendi è di buona qualità, non puoi che avere successo.

Invito chiunque stia leggendo questo post e possa fare un salto a Roma tra il 5 e l’8 dicembre a venire a trovarmi. Ho un sorriso per ognuno di voi e a tutti ho voglia di spiegare perché comprare il mio libro.

Vi aspetto!

This entry was posted in Comunicazioni ed eventi, Mestiere esordiente and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

7 Responses to Le fiere del libro e gli scrittori esordienti

  1. Che belli i commenti, i post e addirittura le recensioni dei lettori soddisfatti, non me li ricordavo… non vedo l’ora di andare a Roma!

  2. Sì, belli davvero.
    Anch’io non vedo l’ora di partire!!! 😀

  3. Giovanni says:

    Ciao Chiara,
    ti ho inviato un paio di mail… ti sono arrivate?
    In bocca al lupo per la fiera di Roma!

  4. Grazie Giovanni,
    mi dispiace che non potrai essere a Roma… Non ho potuto ancora rispondere alla tua e-mail, lo farò entro stasera. 🙂

  5. alfrhaed says:

    una delle più belle soddisfazioni è poter girarsi indietro e vedere tutte queste voci che hanno incrociato una nostra opera.. tutte queste esistenze in cui.. anche solo per un attimo siamo entrati..

  6. Otello Savara says:

    E questa edizione come è andata?
    Spero bene come le altre.
    Sono passato anche io ma purtroppo ancora non conoscevo il tuo blog altrimenti avrei fatto almeno un saluto.

    Otello

  7. Ciao Otello,
    non ero presente gli altri anni per poter fare un confronto, ma devo dire che è andata bene. Ben organizzata, ben pubblicizzata, piena di espositori ma anche di visitatori.
    Un’occasione ottima per farsi pubblicità, vendere qualche libro, ma soprattutto parlare direttamente con i lettori e acquisire importanti contatti. Peccato non conoscessi già il mio blog, ma chissà, magari ci saranno alte occasioni per fare due chiacchiere! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.