Abdicazione

Fernando PessoaPrendimi fra le braccia, notte eterna,
e chiamami tuo figlio.
Io sono un re
che volontariamente ha abbandonato
il proprio trono di sogni e di stanchezze.

La spada mia, pesante in braccia stanche,
l’ho confidata a mani più virili e calme;
lo scettro e la corona li ho lasciati
nell’anticamera, rotti in mille pezzi.

La mia cotta di ferro, così inutile,
e gli speroni, dal futile tinnire,
li ho abbandonati sul gelido scalone.

La regalità ho smesso, anima e corpo,
per ritornare a notte antica e calma,
come il paesaggio, quando il giorno muore.

(Fernando Pessoa)

_____________________________________________

Dello stesso autore:

– Autopsicografia
– Sensazione
Ode alla notte
Il violinista pazzo

This entry was posted in Poesie and tagged , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Abdicazione

  1. Roberta says:

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *