I 10 diritti dello scrittore

scrivania-scrittoreCe l’ho fatta! Grazie ai vostri suggerimenti ho tirato su i 10 diritti dello scrittore. Si accettano ulteriori suggerimenti, casomai qualcuno ne avesse. Ho utilizzato quasi tutti i diritti che mi avete suggerito ma mi sono permessa di fare piccole modifiche. Grazie a tutti, specie a Federica, che ne ha suggeriti molti. Ed ora, la lista! 🙂

1. Il diritto di sognare tutto, dal probabile all’assolutamente impossibile

2. Il diritto di essere Dio, quindi di creare, distruggere e disporre delle vite dei personaggi creati

3. Il diritto di infischiarsene del parere di lettori, critici, editori, parenti ed amici

4. Il diritto di reinventare il mondo e prendere spunto dalla quotidianeità, dalle stranezze, dagli incubi, dai sogni, dalla realtà e dalla fantasia

5. Il diritto di credere di poter cambiare il mondo con le proprie parole

6. Il diritto di cercare di convincere i lettori dell’esistenza dell’inesistente

7. Il diritto di scrivere di qualsiasi argomento

8. Il diritto di scrivere in qualsiasi luogo e momento e su qualunque supporto, dai fazzoletti di carta alla propria mente

9. Il diritto di pubblicare verità scomode

10. Il diritto di inventarsi nuovi diritti

__________________________________________

I 10 diritti dello scrittore sono stati ispirati da I 10 diritti del lettore, di Daniel Pennac.

This entry was posted in Estratti e citazioni, Mestiere esordiente and tagged , , , . Bookmark the permalink.

5 Responses to I 10 diritti dello scrittore

  1. Pingback: I diritti dello scrittore « Chiara Vitetta

  2. federica says:

    Grazie, per me è stato divertente; ne avrei suggeriti 10 in tutto, ma per mancanza di tempo non ho potuto!

  3. Veronica says:

    Concordo.Rispecchiano in pieno i diritti e i lussi che si può concedere uno scrittore come anche il diritto di confrontarsi con quanti leggono direi anche o di farli riflettere perchè lo scrittore ha come arma la scrittura che come un’apriscatola aiuta spesso a forgiare le persone.Il dono più bello di chi legge è di potersi mettere in gioco senza avere paura di farlo,è una persona di mentalità aperta che non legge solo per passatempo.Perchè non fare anche dei comandamenti del lettore?Del vero lettore…

  4. Fernanda says:

    Ho messo un link sul mio blog

  5. Grazie Fernanda! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *