Si viene per dare

Alfredo Cosco - Si viene per dareBuongiorno naviganti,
dopo una lunga assenza eccomi di nuovo tra voi. In genere non scrivo post che parlino di libri di esordienti, e ho due motivi per non farlo. Il primo è che per parlare del libro di un esordiente devo prima di tutto essere certa che la pubblicazione sia senza contributo, il secondo è che il libro deve essermi piaciuto (non sono qui per stroncare scrittori agli inizi). Insomma per Alfredo Cosco farò un’eccezione, ma ne vale la pena. Si viene per dare è il suo primo libro ed è certamente un’opera che merita attenzione. Non è un romanzo, non è una raccolta di racconti, non è una silloge di poesie. Si viene per dare è una sorta di saggio sulla vita e sul modo di viverla. Il linguaggio è articolato, ma fluido, gli argomenti sono vari e spesso molto diversi tra loro, ma legati da un’idea: si vive (si viene) per dare qualcosa al mondo, per lasciare un segno, per acquisire la consapevolezza di essere vivi e in grado di imprimere sulla terra un’impronta. Tutto questo non si traduce nell’idea limitativa di fare qualcosa di oggettivamente grande (che so, scoprire la cura per il cancro o salvare un’intera popolazione), ma piuttosto di fare qualcosa di grande per se stessi, di vivere l’amore o le passioni in modo pieno e sano, di riuscire ad aiutare le persone nelle piccole cose o sconfiggere con la forza di volontà e la tenacia le difficoltà della vita. Si viene per dare è un inno all’ottimismo consapevole ed equilibrato, è una spinta verso il superamento di quelli che riteniamo, spesso erroneamente, limiti invalicabili, è una porta aperta verso molte possibilità che spesso ci precludiamo. Il libro è diviso in sette parti, così denominate: Amore, Ispirazione, Disciplina, Resistenza umana, Bellezza, Oltre, Tre storie.
Ognuna di queste parti racchiude numerosi racconti di vita e riflessioni. Cercherò, nel corso dei prossimi mesi, di presentarvi ognuna di queste sezioni in un post, spiegandovene il contenuto e l’intenzione e proponendovi poi un estratto di ognuna. Cominceremo tra alcuni giorni con Amore, seguendo l’ordine delle sezioni all’interno del libro.
Vi invito comunque ad acquistarlo, perché in questo modo non solo aiuterete un bravo esordiente ad andare avanti, ma potrete leggere un buon libro che certamente vi arricchirà.
Potete acquistarlo dal sito dell’editore (www.edizionidelpoggio.it) o dai principali siti di vendita di libri online. In alternativa, si può sempre ordinare in libreria.
Se vi interessasse leggere un’intervista fatta ad Alfredo, cliccate qui.

Vi lascio con un primo estratto dal libro: la premessa scritta dall’autore.

______________________________________________

Premessa dell’autore

Non so chi sia tu che adesso sta leggendo queste pagine. Non so proprio quanti anni porti addosso, quanta vita, quante lacrime, quanta gioia, quanto dolore, quante speranze. Vorrei poterti stringere la mano, sentire la tua voce, guardarti in faccia.
Non so chi tu sia, eppure tu e io non siamo due mondi distinti, due parallele che non si incontreranno mai. Facciamo parte di una stessa Strada, di un Cammino che ci mette a dura prova.
Non so chi tu sia, non conosco le tue battaglie… non so se cerchi ancora qualcosa, se senti che c’è qualcosa per cui vivere e per cui rischiare la vita, o se ti sei lasciato prendere dalla corrente anche tu. Se trascini i tuoi giorni, e vai avanti per inerzia. Se ti senti prigioniero di un film che non ti appartiene. Se vivi di riflesso, ingoi dieci rospi al giorno, e ti limiti ad avere vaghe aspirazioni di tanto in tanto, come quei viaggi, che ci si promette un giorno di fare tanto per auto illudersi un po’.
Io non so se tu ti stai accontentando.
Non so se stai lasciando morire la tua scintilla, giorno per giorno. “Seppelliscila!”… dicono… “Spegni quel fuoco! Abbassa la testa! Sono tutte illusioni! Accontentati… accontentati… accontentati…”
Faranno di tutto per spegnertela quella Scintilla.
Questo libro è per te, per quella fiamma che insiste a non volersi spegnere, per quei sogni che non puoi davvero uccidere, per quella rabbia che non sopporta il frustino, per quelle corse che devi ancora fare, per quell’amore che ti sta attendendo.
Io sono su questa Strada polverosa, dura, crudele, sporca, dolce e magnifica… Come lo sei tu. Qualcosa ho raccolto negli anni, qualcosa di bello, qualcosa mi è stato regalato, qualcosa mi è sbattuto addosso, qualcosa mi è costato notti insonni. Ho un po’ di polvere di stelle, un po’ di pietra magiche, un po’ di simboli, musiche e storie…
Qualcosa ho ricevuto, specialmente quando ero ogni giorno sembrava una tagliola e l’oscurità inghiottiva l’anima… qualcosa ho ricevuto…
Ed è bellissimo riuscire a svegliarsi sapendo che c’è un grande grande Sole che ti illumina l’anima, che hai qualcosa per cui combattere, qualcosa in cui credere. Che puoi essere una fiaccola che illumina la notte.
Qualcosa mi ha tenuto in piedi quando i miei giorni scivolavano via…
E vorrei poterla dare a te.
Non come maestro di nulla, ma come compagno di viaggio.
Ricordo una notte, coltri e coltri di buio, la morte rideva,
ricordo che non era rimasto più nulla di vivo, ricordo che il sole era nero
e i pazzi saltimbanchi del Moloch preparavano il banchetto,
e poi fu un momento, solo un momento…
Si può morire per un momento del genere…
Passa ora una canzone… Alive and kicking… Simple Minds… un brano…

Che cosa farai quando l’amore ti distruggerà bruciandoti?
Che cosa farai quando le fiamme saliranno?
Chi verrà e cambierà il corso degli eventi?
Cosa bisogna fare per far sopravvivere un sogno?
Chi ha la facoltà per poter calmare la tempesta interiore?
Chi ti salverà?

Cosa farai quando sarai messo davvero alla prova?
Quanto amore e forza avrai dentro?
Sarai il tuo tempo che rivelerà chi sei.

Non ho molto altro da dire…
So solo che ne sarà valsa la pena, non arrendersi quando tutto sembrava perduto.
So che mi mostrerai tutti i segni delle tue battaglie, come stelle della Costellazione del Cuore.
So che saremo contenti di avere perseverato.

So che alcuni pensano solo a riempirsi la tasca.
Altri si arrampicano su una torre di letame.
Altri ancora credono che si viene per niente.
Mentre… e su questo metto la mano sul fuoco…
Si viene per dare.

(Alfredo Cosco)

______________________________________

Leggi degli estratti:

Lettera a mio figlio (dalla Parte I: Amore)
Non sei tu a segnare (dalla Parte II: Ispirazione)
Come se (dalla Parte III: Disciplina)
Questo è un uomo (dalla Parte IV: Resistenza umana)
Essi vivono (dalla Parte V: Bellezza)
Metempsicosi (dalla Parte VI: Oltre)

This entry was posted in Estratti e citazioni, Recensioni di Libri and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.