Si viene per dare (Oltre)

Con questo post si conclude la serie dedicata al libro d’esordio di Alfredo Cosco Si viene per dareAlfredo Cosco - Si viene per dare. Ribadisco quanto sia importante acquistare libri di esordienti e vi consiglio ancora una volta queste pagine piene di passione e idee rivoluzionarie, pagine che portano alla riflessione e cercano di aiutare il lettore ad aprire la mente.
La sesta sezione del libro è denominata “Oltre”. L’autore la introduce così:

Oltre… Trascendenza… Dono… Mistero…
Quale è il suono di un applauso fatto con una mano sola?
Dove sono nascosti i sogni degli uomini?
Dove ti spingi quando tutto scompare?
Quante porte apre il Silenzio?
Una linea corre all’orizzonte…
Un bambino traccia a colori pastello per strada un confine…
Come facevano una volta i bambini, quei giochi con le caselle disegnate e saltavano con un piede e con l’altro. Come fanno ancora i bambini, perché il Gioco non finisce mai.
E tu, vedi quel disegno pastello… una sorta di rettangolo colorato, il confine… e ti dici “perché no?”, posi per terra la ventiquattrore e la giacca, ti togli le scarpe, e ti prendi una bella rincorsa, fino al disegno pastello e poi saltare…
Per andare… Oltre.

Dall’I-king al Satori, dai messaggi degli indiani Hopi al viaggio sciamanico, in “Oltre” avremo modo di accostarci a varie discipline e particolari modi di vivere e vedere il mondo.

Il libro di Alfredo si conclude con tre storie e relative interviste a persone particolari. Si tratta delle vicende umane di tre uomini che secondo l’autore “sono in grado di Dare”. Non citerò nulla da questa settima parte del libro, per questo non pubblicherò un post dedicato proprio a quella sezione. Mi limiterò a dirvi che è interessante osservare come Alfredo Cosco cerchi di entrare in queste tre persone, individui dalle difficili vite, e di come leggendo le sue domande si abbia l’impressione di cogliere un rispetto per l’essere umano e una delicatezza che non impediscono alla sincerità, alla chiarezza e alla curiosità di Alfredo esprimersi in parole. Tre uomini particolari, quelli intervistati da Alfredo. Uno di loro è Carmelo Musumeci, parte dell’ingranaggio delle prigioni, la cui pena non avrà mai fine.
Non dico altro di quest’ultima parte del libro. Spero di aver suscitato la vostra curiosità.

Vi lascio con un estratto da “Oltre”.

METEMPSICOSI

C’è un linguaggio dell’anima che non muore mai.
E nulla accade per caso. Si viene e si va.
Ma non è mai per caso.
E alcune persone ci insegnano e noi insegniamo loro.
In questo vortice immenso, che non ci
abbandona, ma ci prende per mano.
Ciò che è stato costruito in cielo,
e percorre i territori dell’anima, segue i tuoi passi anche in
lontananze siderali.
Mani tese sfiorano i roveti ardenti.
Per accogliere senza giudicare.
Per accogliere senza condizioni.
In fin dei conti è una vita che vale.
L’amore arriva nella stanze coperte,
qualcuno trova i nostri disegni appena pennellati e i sudori raccolti
come pugni disarmati, o guerrieri di sogno, o altre giostre, senza
biglietti da pagare.
C’è qualcosa di eterno nei pomeriggi appena
sbucciati, negli accordi di musica strimpellati sul legno, girando la
pagina, tra il vecchio e il bambino.
Ci sono praterie solcate fin da
quando tutto questo che vedi e senti era polvere e ci saranno ancora
quando il sole sarà solo un lontano mito e una leggenda.
Ma i sogni intagliati sull’anima… quelli no, non moriranno mai.

(Alfredo Cosco) 

_______________________________________

Dallo stesso libro:

Lettera a mio figlio (dalla Parte I: Amore)
Non sei tu a segnare (dalla Parte II: Ispirazione)
Come se (dalla Parte III: Disciplina)
Questo è un uomo (dalla Parte IV: Resistenza umana)
Essi vivono (dalla Parte V: Bellezza)

This entry was posted in Estratti e citazioni, Recensioni di Libri and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Si viene per dare (Oltre)

  1. giusy says:

    Grazie per tutte le parole che arrivano fino alla parte più profonda dell’anima!!!! Anch’io scrivo, ma scrivo per me perchè nn credo di esser cosi brava a esprimer con le parole quei moti invisibili del cuore e dell’anima!!! Ancora grazie,
    Giusy

  2. Ciao Giusy, immagino che il grazie sia per Alfredo. 🙂 Gli farà certamente piacere.
    Scrivere per sé è sempre il modo migliore per scrivere bene, almeno secondo il mio parere. E poi chissà, magari pian piano si diventa bravi e si trova il coraggio di diffondere le proprie parole spargendole per il mondo. 😉

  3. alfrhaed says:

    E il mio grazie è per te Chiara….
    sei stata splendida. Non ho parole per l’attenzione che hai avuto verso il mio libro…
    E per l’attenzione che hai avuto anche prima.. nell’aiutarmi con le bozze.. le correzioni.. e diecimila altre dritte….
    Sarebbe davvero un altro paese questo se tutti avessero la tua apertura e disponibiltà..
    Grazie ancora..
    E un forte saluto anche a te Giusy..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.