Schiavo d’amore

W. Somerset Maugham - Schiavo d'amore“Non riusciva a pensare a nient’altro. Dimenticò la vita attorno a lui. Doveva essere chiamato due o tre volte prima di andare a pranzo. Insensibilmente si formò in lui la più bella abitudine del mondo: l’abitudine a leggere. Non sapeva che questo gli preparava un rifugio contro ogni angoscia della vita; non sapeva neppure che stava creando per se stesso un mondo irreale che avrebbe reso il mondo reale di ogni giorno una sorgente di amaro disinganno”.

__________________________

“In effetti, le idee non avevano alcun significato per lui, ma le maneggiava come pregevoli porcellane in una sala d’aste, maneggiandole con piacere e osservandone forme e colori, attribuendo loro un valore, nella propria mente, e riponendole poi nei loro scaffali per non pensarci più.”

__________________________

“Non serve a nulla piangere sul latte versato, perché tutte le forze dell’universo era coalizzate per farlo versare.”

(W. Somerset Maugham)
(da: “Schiavo d’amore”)

______________________________________________

Dello stesso autore:

La diva Julia (recensione ed estratti)
Acque morte (recensione ed estratti)
Acque morte (2) (estratti)
Leggere (estratto da Honolulu)
La ricompensa dello scrittore (estratto da La luna e sei soldi)

This entry was posted in Estratti e citazioni and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *