Anelli di fumo

anelli di fumoRaccogli il mio sguardo
precipitato nel buio

Reggi le mie mani
pronte a cadere
in un’inconsapevole resa

Rallentami il cuore
partito al galoppo

Riempi il vuoto allo stomaco,
sostituisci con il fiato
quell’aria che mi sfugge

Raccogli una lacrima
nella tua mano calda

Rubami i fremiti del corpo
e condividi i brividi

Poi stringimi
non lasciarmi scivolare
non lasciarmi affondare
non lasciarmi

Spremiamo questa notte
goccia a goccia,
stringiamola come una spugna
svuotiamola delle ore
e all’alba bruciamo quello che resta
e barrichiamoci in un’altra notte
solo nostra,
custodita da palpebre calde di labbra
intrecciata tra le dita
stretta fra corpi caldi
appannata dai respiri.

Non stancarti,
tienimi ancora legata
con catene di anelli di fumo

Non accendere il sole
non schiudere la porta
non soffiare sulla fiamma del sogno.

Annulla lo spazio
distorci gli istanti
dipingi la realtà.

Ovunque tu sia, per quanto lontano
sei in me
con ogni respiro
sulle mie labbra
umide di baci sognati.

(Chiara Vitetta)

___________________________________

Poesie della stessa autrice:

Il clarinettista
Il mio posto 
Ancora un passo indietro
Attraverso i miei occhi 
L’autunno a Chiari
La notte della follia

This entry was posted in Le mie poesie and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to Anelli di fumo

  1. pasric says:

    Sempre bello leggerti, Chiara.
    Le citazioni che metti nel blog sono sempre belle, ma le tue parole originali le trovo più interessanti.
    Buona giornata.
    Riccardo

  2. Grazie! 🙂 Mi fai venire voglia di pubblicare poesie più spesso! Peccato che ne scriva così poche.

  3. federica says:

    Mamma mia… complimenti! Ho i brividi…

  4. Sandro Dettori says:

    Brava, anzi bravissima! Con diciotto s: Bravissssssssssssssssssima!
    Sandro

  5. Grazie Sandro! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *