Chiara Vitetta » Blog Archive » La notte della follia

Chiara Vitetta

"Una vita senza libri è una vita di sete". (Stephen King)

La notte della follia

Posted by Chiara Vitetta - luglio 25th, 2012

Edward Munch - Il vampiroDove vai di notte,
Saggezza che mi abbandoni
ai tumulti del cuore?

Seduta sul bordo del letto al mattino
sei compagna del sole
e risuoni delle risa del giorno

Hai il tocco deciso dell’inverno
che copre le foglie di brina,
sei limpida luce del sole
che svetta nell’azzurro cielo

Ma quando il sole discende
ti fai languida e stanca
ti allontani in silenzio
e mi lasci da sola

Dove fuggi al tramonto,
Saggezza?

Ti sciogli tra i flutti
e ti inabissi nel mare?
Ti distendi sul fondo
degli oceani immensi?

O è nel ventre di un vulcano
che riposi, Saggezza?
È lì che distendi le membra,
serri le palpebre pesanti
e assapori il riposo dei giusti?

Dove ti nascondi, Saggezza?

Ti cerco dovunque
vivendo le mie notti folli
tra i battiti persi del mio cuore malato,
nel galoppare scomposto dei miei desideri

Ti cerco tra le pieghe del sogno
ad occhi chiusi nella profonda notte.

Ti cerco, Saggezza,
ma non ti trovo

Se potessi stenderti qui accanto
e illuminare i miei istanti
potrei ridere ancora
e zittire il frastuono nel petto.

Se potessi tenermi la mano
in questa lunga, interminabile notte
se potessi vegliare
sulla mia agitazione
e lenire il dolore
col tuo tocco fatato!

Ma la tua voce è muta,
la tua figura assente;
non c’è balsamo
per le mie molte ferite

Farò bere il sangue che cola
alla divina Follia,
vampiro che siede ai piedi del letto,
tronfio nel suo sorriso sardonico

Ha negli occhi la luce della luna
e sulle labbra i gemiti che mi ha rubato

Beve i miei tormenti
come acqua di fonte,
il viaggiatore che viene dal deserto

Saggezza che sei fuggita,
vieni e caccialo via

Raccogli i dolori
e mettili in tasca
disperdili nel mare
dalli in pasto ai pesci
tira un lembo delle mie inquietudini
e scomponi la trama
sfila l’intreccio
e lascia che un gomitolo di angoscia
si raccolga ai tuoi piedi
poi gettalo ai gatti
esseri della notte
occhi lucenti nel buio
luce di saggezza
che si erge impavida
al cospetto della Follia

Cambia il turno, Saggezza
ribalta le ore
riposa di giorno
e giungi a me nelle oscure notti
e se qualcuno dall’alto si oppone
ti chiedo straordinari
una notte qua e là
pagherò il dovuto
me la vedrò con la divina Follia vestita di luce
ma non lasciarmi ad affrontarla ora
Follia ammantata da un nero sudario di dolenti parole

Non lasciare che mi ferisca ancora
che mi succhi la vita
che si disseti con il mio sangue

Vieni, Saggezza
chiamami sorella
e cullami fino all’alba,
accarezzami il sonno
e salvami ancora

Tirami mia
dalla notte dell’anima
da questo buio che non si arrende
da questa angoscia che non si dirada

Tirami via
attraverso la notte
e al mattino, sorella,
dopo gli straordinari,
prometto,
ti lascerò riposare
dì e notte
nello spazio di molte giornate

Non scivolano le ore
ma arrancano
e tu non giungi,
non scorgo la tua luce
in fondo a questo tunnel

A nulla vale cercarti,
desiderata Saggezza
perché è la notte della Follia,
sanguinaria, sadica,
ligia ad un dovere
che esige la sua libbra di carne

Allora portami a fondo, Follia
mi abbandono
ti verso il tributo di lacrime
non mi oppongo all’angoscia
la accolgo tra i sospiri
lascio che il petto si laceri
e le vene versino il sangue
di cui hai sete

Prendi tutto, Follia
lasciami vuota
fai il tuo lavoro fino in fondo
distruggi ogni cosa
così che al mattino
la Saggezza
placidamente seduta al tuo posto
possa riedificare la città
ricostruire le mura
erigere barricate robuste
insegnarmi a difendere il forte
durante l’attacco
atteso nel buio
della prossima notte della Follia

(Chiara Vitetta)

__________________________________________________

Poesie della stessa autrice:

Il clarinettista
Il mio posto 
Ancora un passo indietro
Attraverso i miei occhi 
L’autunno a Chiari
Anelli di fumo

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.