Chiara Vitetta » Blog Archive » Elogio della dimenticanza

Chiara Vitetta

"Una vita senza libri è una vita di sete". (Stephen King)

Elogio della dimenticanza

Posted by Chiara Vitetta - febbraio 11th, 2013

Bertolt BrechtBuona cosa è la dimenticanza!
Altrimenti come farebbe
il figlio ad allontanarsi dalla madre che lo ha allattato?
che gli ha dato la forza delle membra
e lo trattiene per metterle alla prova?

Oppure come farebbe l’allievo ad abbandonare il maestro
che gli ha dato il sapere?
Quando il sapere è dato
l’allievo deve mettersi in cammino.

Nella casa vecchia
prendono alloggio i nuovi inquilini.
Se vi fossero rimasti quelli che l’hanno costruita
la casa sarebbe troppo piccola.

La stufa riscalda. Il fumista
non si sa più chi sia. L’aratore
non riconosce la forma di pane.

Come si alzerebbe l’uomo al mattino
senza l’oblio della notte che cancella le tracce?
Chi è stato sbattuto a terra sei volte
come potrebbe risollevarsi la settima
per rivoltare il suolo pietroso,
per rischiare il volo nel cielo?

La fragilità della memoria
dà forza agli uomini.

(Bertolt Brecht)

___________________________________________

Dello stesso autore:

A chi esita
Tra tutte le opere
Tempi brutti per la poesia
Le grucce

2 Responses to “Elogio della dimenticanza”

  1. Maurizio Says:

    Che bella! non la conoscevo…

    PS fosse stato l’elogio della pigrizia l’avrei sentita ancora di più mia… 😉

  2. chiara3a Says:

    Grazie!
    Beh, magari scoverò anche un elogio della pigrizia! Le vie della letteratura sono infinite! 😉

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.