Chiara Vitetta » Blog Archive » A chi esita

Chiara Vitetta

"Una vita senza libri è una vita di sete". (Stephen King)

A chi esita

Posted by Chiara Vitetta - marzo 11th, 2013

bertolt_brechtDici:
per noi va male. Il buio
cresce. Le forze scemano.
Dopo che si è lavorato tanti anni
noi siamo ora in una condizione
più difficile di quando
si era appena cominciato.

E il nemico ci sta innanzi
più potente che mai.
Sembra gli siano cresciute le forze, ha preso
una apparenza invincibile.
E noi abbiamo commesso degli errori,
non si può più mentire.
Siamo sempre di meno. Le nostre
parole d’ordine sono confuse. Una parte
delle nostre parole
le ha stravolte il nemico fino a renderle
irriconoscibili.

Che cosa è ora falso di quel che abbiamo detto?
Qualcosa o tutto?
Su chi contiamo ancora?
Siamo dei sopravvissuti, respinti
via dalla corrente? Resteremo indietro, senza
comprendere più
nessuno e da nessuno compresi?
O dobbiamo sperare soltanto
in un colpo di fortuna?

Questo tu chiedi. Non aspettarti
nessuna risposta
oltre la tua.

(Bertolt Brecht)

__________________________________________

Dello stesso autore:

Elogio della dimenticanza
Tra tutte le opere
Tempi brutti per la poesia
Le grucce

2 Responses to “A chi esita”

  1. Ossimoro Says:

    Ciao Chiara! Secoli che non ci si sente! Non sapevo avessi scritto una testimonianza sulle tue disavventure di pubblicazione! Ahinoi, quante tristi esperienze in comune. Devo ancora leggerlo tutto (me lo scarico sull’ebook), ma c’è proprio poco da stare allegri. Io sono stata un po’ più fortunata, perché Torino è la città dei libri e qualche piccola occasione per presentare si trova: io ho agito da sola (non sapevo neanche che esistessero agenzie che si occupano di questo) e tramite sbattimenti personali e passaparola ho ottenuto 3 presentazioni in città (un liceo, una biblioteca, un’associazione culturale musicale) e 3 in provincia (un liceo, una biblioteca e una casa privata); note dolenti: vendite molto scarse e (almeno nelle biblioteche) scarsissima partecipazione, anche per la spietata concorrenza dei tantissimi eventi letterari torinesi. Mi resta il rimpianto di non aver mai fatto presentazioni fuori dal Piemonte…

  2. chiara vitetta Says:

    Ehi, ciao! 🙂 Sì, in effetti è molto che non ci sentiamo.
    Di sicuro quella di Torino è una realtà non paragonabile alla mia… la Calabria è culturalmente malmessa, almeno nella zona in cui sono nata io. Andare fuori è facile da un lato, difficile dall’altro. Il difficile è che ci sono dei costi e non si arriva mai neppure ad essere in pari.
    vita dura, quella dello scrittore esordiente! Beh, se ti va poi fammi sapere come ti pare l’ebook. 🙂

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

ATTENZIONE!!! COMPLETA IL CAPTCHA QUI IN BASSO PRIMA DI INVIARE IL COMMENTO: * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.